Primi piatti

Arancini

31/12/10 16:16

Sono certa che ormai lo avrete capito tutti.

Nonostante i tempi (bui) che corrono posso assolutamente autodefinirmi orgogliosamente terrona.
In parte come dice Aldo, di origini  "normanne in terra Sicula" e in parte Sarda, dico io, praticamente al 90%.
Vivo in Sardegna da quando sono nata, ma il papà della mia mamma era trapanese, di Mazara del Vallo.
Ora, chiunque , con ardito slancio di stile, per altro assolutamente apprezzabile (pì carità) vi parlerebbe per introdurre codesta pietanza, che oserei chiamare epica, dell'ode spudorata che Montalbano ricama sugli arancini di Adelina, personaggi che prendono vita dalla penna (e dal genio) dello scrittore Andrea Camilleri.
La mia storia e quella degli arancini non ebbe però la medesima sorte. Se potrà farvi piacere vi racconterò l'antefatto.
Storia e fatti vogliono che il mio amore per l'aureo e rotondo scrigno di pazienza e tradizione culinaria terminasse alla dolce età di 8 anni.
E'stato come (provo a immaginare) privare un milanese di una bella fetta di panettone la notte di Natale, oppure privare un siciliano di una sacrosanta fetta di cassata il giorno di Pasqua.
Ne mangiai talmente tanti, che la notte stessa ,notte di traversata in nave da Palermo a Cagliari, stetti malissimo e, imputando l'arancino come unica e sola causa di cotanta agonia smisi di mangiarlo, vuoi per il trauma subito, vuoi perché ovviamente, negli anni ne dimenticai il sapore, riuscendo solo a ricollegare anche solo una piccolissima idea di Arancino, ad una tremenda notte buia e tempestosa.
Ma ora sono qui per riscattarmi da un trauma culinario durato sin troppo, e riuscendo a sconfiggere i miei fantasmi, stamane a pranzo ho assaporato il mio primo arancino dopo 20 anni e nient'altro posso dire se non che è stato divino.
Ps. vi lascio l'indirizzo di Chiara, che , oltre ad aver realizzato un arancino superbo, ci rende partecipi dell'estratto dal libro di cui vi parlavo prima...dite un po'..non vi sembra di sentirne il profumo? e poi, quale ingrediente migliore del riso per proporvi una ricetta di fine anno?? 
Buon anno a tutti voi, fate i bravi....



Ingredienti e dosi per 20 arancini

1 pollo 
1 lt d'acqua fredda
occorrente per il brodo (sedano, carota, cipolla, 1o2 pomodori)
500 g di riso 
250 g di pisellini
500 g di pomodori pelati di buona qualità
1 grossa cipolla
2 uova
farina q.b.
pane grattugiato q.b.
olio per frittura
olio extravergine d'oliva
sale q.b.

La prima cosa da fare è preparare un buon brodo di pollo, ricordatevi di partire sempre da acqua fredda.
Il brodo di pollo servirà per la cottura del riso, che andrà semplicemente fatto dapprima tostare su un fondo d'olio d'oliva e cipolla, e poi cotto mediante l'aggiunta del brodo poco a poco come se steste facendo un classico risotto alla milanese.
Non fate scuocere il riso, lasciatelo al dente, e una volta cotto disponetelo su di un grande piatto da portata per farlo raffreddare.
Ovviamente il brodo che utilizzerete sarà filtrato, privato quindi delle verdure per il court bouillon (sedano, carota, pomodoro)  e il pollo andrà disossato.
Riducete la carne di pollo a pezzetti e mettetela da parte.
Preparate una classica salsa al pomodoro con fondo di cipolla ,che dev'essere trasparente, i pisellini e gli straccetti di pollo. Aggiustate di sale.
La salsa non dovrà essere liquida ma ben ristretta, e costituirà il ripieno delle palline di riso.
Quando il riso sarà ben freddato con i due palmi delle mani prendete un po' di riso e formate una pallina, mettete la mano a mo' di conchiglia, e nella pallina di riso praticate una apertura entro la quale andrete a mettere la salsa con il pollo e i pisellini q.b. richiudete bene, date all'arancino una forma sferica quindi fate rotolare le palline di riso così farcite prima nella farina poi nell'albume d'uovo e poi nel pane grattugiato.
Tuffate gli arancini in abbondante olio bollente e fate friggere.."fino a quando pigliano un colore d'oro vecchio", lasciate colare sulla carta assorbente e...."alla fine ringrazziannu u Signuruzzu, si mangiano!"



Può piacervi anche

17 commenti

  1. Gli arancini sono perfetti, sempre!
    Auguri di buon 2011 a te e al tuo splendido blog! :-)

    RispondiElimina
  2. cara Claudietta, sei stata gentilissima ad aver citato la mia ricetta,che in realtà è di un famoso cuoco siciliano e che io ho preso a modello! Adoro gli arancini, hai saputo veramente con maestria di cuoca e di fotografa mettere una "Voglia Matta" addosso non solo a me ma , ne sono sicura, a moltissimi lettori del tuo bellissimo blog! Auguri cara,tanti tanti!

    RispondiElimina
  3. @Chiara: ;)Tanti baci cara, un abbraccio e mille auguri!

    RispondiElimina
  4. Meravigliosi...........
    Io da buona polentona lombarda....li amooooooooo
    Auguroni di un nuovo anno felice e sereno!

    RispondiElimina
  5. Li adoro!!!è vero pare proprio di sentirne il profumo...brava Claudietta come sempre!!!auguri di buon anno nuovo!!!Fede.

    RispondiElimina
  6. Perfetti, pochi sanno che il vero segreto di ottime arancine è preparare il risotto!
    Auguroni di buon anno!!

    RispondiElimina
  7. Ottimi e bellissime foto!
    Buon 2011! Dana

    RispondiElimina
  8. Clau, che buoni gli arancini, li adoro!
    tantissimi auguri, che l'anno 2011 ti porti tante sorprese dolcissime e tanta armonia e felicità.
    un abbraccio di cuore.

    RispondiElimina
  9. Buoni e sfiziosi...brava e auguroni :)

    RispondiElimina
  10. Che buoni che devono essere.... non li ho mai preparati. Li metto tra i buoni propositi per il 2011. Buon anno e complimenti per il blog!!!!!
    Betty

    RispondiElimina
  11. Sei brava anche con il salato.......splendido veramente l tuo blog, un piacere venirti a trovare!!!!!! Auguri

    RispondiElimina
  12. Foto molto belle, curatissimo ogni dettaglio veramente complimenti

    Mi piacerebbe che dessi un'occhiata al mio lavoro al www.tuttoperbocca.blogspot.com

    Ciao e a presto!

    RispondiElimina
  13. Meravigliosi... li adoro!!!

    Nell'augurarti un buon 2011 invito te e i tuoi lettori a votare i migliori film ed attori del 2010.

    CLICCA QUI PER VOTARE

    RispondiElimina
  14. Hmmmmm...Claudietta, che meravigliosa bontà.
    Adoro gli arancini e tu da sarda-sicula li hai preparati sapientemente.
    Brava Cara e auguri per un anno splendido! un bacio

    RispondiElimina
  15. Rispondo a tutti: grazie per i vostri auguri, ricambio con molto affetto!un benvenuto ai nuovi arrivati! baci a tutti!

    RispondiElimina
  16. sicilia e sardegna due isole meravigliose! buonissimi gli arancini!

    RispondiElimina
  17. Ma Claudia...abbiamo le stesse posate lo vedo dal coltello che affonda in questo meraviglioso arancino!!! Ti rinnovo i miei complimenti per il tuo blog che secondo me è il più raffinato esistente sul web. E non lo dico a tutti ;)
    Un salutone e se ti va passa a trovarmi (lo so che sono piccola piccola al tuo confronto!)

    RispondiElimina