Dolci Sardi

Le Seadas, oro di Sardegna

05/12/10 15:57


Ingredienti e dosi per circa 20-25 seadas

500 g di farina debole
400 g di pecorino sardo fresco (mai stagionato, deve essere molto grasso e la massa tenera, quindi necessariamente freschissimo)
50 g di strutto
70 g di semola fine
scorza di limone grattugiata q.b.
sale e zucchero q.b.
olio per friggere
miele d'eucalipto/corbezzolo/arancia/cardo......

Preparazione

La prima operazione da eseguire sarà quella di lasciare acidare il formaggio in un tegame assieme ad 1/4 di litro d'acqua, la semola e la scorza di limone grattugiato (solo la parte gialla) quindi si mescola tutto e si cuoce a fiamma media per circa 2 ore e mezzo/3 sino a quando comunque l'acqua non sarà tutta evaporata e il tutto si sarà risolto ad essere un impasto cremoso.
Indossate dei guanti in lattice e quindi prelevate il formaggio ancora caldo dal tegame e create dei dischi dal diametro di almeno 6 cm (a me piacciono grandi e non troppo spessi) in modo che poi la sfoglia sia di diametro se non il doppio almeno di 10 cm.
Disponete i dischi su di un canovaccio pulito ad asciugare, rigirandoli di tanto in tanto.
Passate quindi a preparare l'impasto lavorando con le mani utilizzando la farina, lo strutto e acqua leggermente salata tiepida.
Quando la pasta sarà pronta tiratela a sfoglia sottilissima e ricavate dei dischi di pasta che come dicevo, avranno minimo 10, massimo 12 cm di diametro.
Ogni forma di formaggio ne occorreranno due di pasta.
Procedete ad assemblare il dolce, prendendo un disco di pasta, riponete sopra un disco di formaggio, quindi ricoprite con un disco di pasta.
Inumidite il bordo con poca acqua (in modo che funga da collante) e con una rotellina dentellata sagomate i contorni, chiudendo bene la seadas.
Friggete le seadas in olio bollente (in quantità dovrà superare di poco la seadas) una alla volta e scolatele solo quando avranno raggiunto un bel colore dorato.
Irrorate col miele che avete scelto per il vostro piccolo momento di felicità..almeno quanto basta a rendervi felici  e strapparvi un sorriso...
A voi, uno dei dolci della mia terra che più amo.
A presto, Baci!



Può piacervi anche

17 commenti

  1. mamma mia che golosità...mi è venuta una voglia... complimenti!!!

    RispondiElimina
  2. Che buone le seadas..Mi ricordano tanto la mia vacanza in Sardegna! Sei bravissima!

    RispondiElimina
  3. Que buena pinta tiene esto madre mía.

    Saludos

    RispondiElimina
  4. non pensate anche voi siano buonissime? altro che piatto povero..a me danno una carica...
    @Jose Manuel:Gracias Jose por tus elogios y bienvenido a mi mundo!

    RispondiElimina
  5. Che buone Claudietta! Questa estate in Sardegna ne ho mangiate veramente tante.. le foto e la preparazione sono perfette!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Ci credo che sono tra i dolci che ami di più....devono essere divini!!!
    Prendo nota! Ciao

    RispondiElimina
  7. post veramente super cara Claudietta, foto e ricetta fantastiche! Buona serata domenicale...un bacione

    RispondiElimina
  8. Che buone le seadas! Le ho mangiate una volta sola in vita mia ma ricordo perfettamente quanto sono buone! =P
    E' la prima volta che passo di qui, ti faccio davvero i compliemnti, il tuo blog è delizioso, mi ricorda tantissimo la Francia, i pochi bistrot e sale da the che ho avuto la fortuna di frequentare. Brava davvero Claudia!

    A presto!
    Stefania

    RispondiElimina
  9. Claudietta sei fantastica...non le ho mai mangiate in vita mia, ma quelle foto parlano, fanno sentire la loro fragranza, la loro croccantezza e persino il loro aroma...ancora una volta...Bravissima!

    RispondiElimina
  10. Cara oggi hai realizzato una ricetta per me molto significativa!!! Io adoro la sardegna e tutti i suoi buonissimi cibi!!

    RispondiElimina
  11. Che bontà!
    quando andiamo in sardegna in vacanza ne porto via un bel po!
    Ma non ho mai pensato di farle....e non so perchè.
    Le tue sono meravigliosamente invitanti!
    Ciao
    Babrara

    RispondiElimina
  12. Davvero deliziosa! MI piacerebbe molto provarla!

    RispondiElimina
  13. Le amo! Fin da bambina, ricordo quelle che comprava mio papà quando andava a Nuoro per lavoro, giganti e buonissime! Complimenti, ti sono venute splendidamente, a casa mia non le abbiamo mai fatte da zero, ora che sono a Milano trovare il formaggio giusto credo sia impossibile... Bravissima

    RispondiElimina
  14. @Mau: mai dire mai..ormai il pecorino ha conquistato il mondo!;)

    RispondiElimina
  15. queste le provo!! Quest'estate a Jerzu ne ho mangiate di divine diverse da quelle che si trovano al supermercato..la sfoglia era molto sottile e si scioglieva in bocca..dalle tue foto sembrerebbero uguali.. Grazie!!!!

    RispondiElimina
  16. Che meraviglia!!! anche se non ho mai avuto la fortuna di assaggiarle sono rinomate per la loro bontà!!! un abbraccio :)

    RispondiElimina