Dolci Sardi

Pan'e saba su letto di crema calda allo zafferano

26/12/10 12:39



Ingredienti e dosi per 1 kg di farina (circa 6/7 panettoni)


1 kg di farina
1/2 lt di sapa o saba (mosto cotto)
400 g di zucchero
300 g di gherigli di noce
300 g di uva sultanina
4 uova
1/2 lt di latte intero
200 g di strutto molto morbido
20 g di semi di anice stellato
2 bustine di lievito per dolci
2 bustine di mix di spezie in polvere tipo "Saporita"
la polpa di 1/2 bacca di vaniglia


Per la crema calda allo zafferano (la presenza della crema costituisce una mia variante, la ricetta originale si presenta senza crema)


3 rossi d'uovo
4 cucchiai di zucchero
3 cucchiai di farina
1/2 litro di latte intero
1 bustina di zafferano


In un recipiente (molto capiente) versate tutti gli ingredienti e con l'aiuto di un mestolo incominciate ad amalgamare il tutto incorporando poco a poco il latte, che aggiungerete sino ad ottenere la densità che desiderate.
Quando avrete ottenuto un composto omogeneo versatelo negli stampini o nei pirottini di carta e fate cuocere in forno preriscaldato a 180°C per 50 minuti circa (vale sempre la prova stuzzicadenti)
Quando i panettoni si saranno ben raffreddati, con l'aiuto di un pennello intinto nel mosto spennellate la superficie dei panettoni e decorate con "sa traggera" (per dirlo alla sarda) o monperiglia colorata.

Preparate la crema, montando in una casseruola i tuorli d'uovo con lo zucchero con una frusta elettrica, sino a che non diventano chiari.
Incorporate la farina setacciata, mescolate ancora, quindi aggiungete il latte e lo zafferano.
Ponete la casseruola su fiamma media e fate cuocere per 10 minuti mescolando continuamente con un cucchiaio di legno finché la crema si sarà addensata.



Può piacervi anche

15 commenti

  1. Che spettacolo...ma dove si reperisce il mosto cotto?
    Buona continuazione...un caro saluto

    RispondiElimina
  2. @Simo: il mosto lo si compra in cantina durante il periodo di vendemmia a Settembre, poi lo si fa cuocere a casa sino ad ottenere la consistenza di un caramello, anche per tre ore...

    RispondiElimina
  3. fantistica ricetta, peccato non abbia il mosto a portata di mano...Un bacione cara, buon S. Stefano....

    RispondiElimina
  4. Adoro le tue ricette e il tuo modo di presentarle.....Auguri!

    RispondiElimina
  5. Ricetta molto particolare ma senz'altro ottima. E'la seconda volta che in una ricetta trovo il mosto cotto tra gli ingredienti(l'altra volta per dei biscotti) prima o poi me lo dovrò procurare per provarlo. Buona la crema allo zafferano poi. Un bacione Claudietta e di nuovo auguri...

    RispondiElimina
  6. Wowwww.... l'aspetto è fantastico ma il sapore sarà delizioso!!!!!

    RispondiElimina
  7. Ma è stupendo!!
    complimenti !!!
    Anna

    RispondiElimina
  8. Dev'esser una vera delizia!!! :)

    RispondiElimina
  9. E' fantastico, complimenti.
    Buon 2011 Daniela.

    RispondiElimina
  10. davvero una bella proposta questo pane al mosto!
    approfitto anche per farti tanti auguri!!

    RispondiElimina
  11. Seguo da tempo il tuo blog e mi fa piacere farti un piccolo dono: vieni ea trovarmi e lo scoprirai.
    Un Felice e Sereno 2011

    RispondiElimina
  12. Che meraviglia con tutte quelle decorazioni argentate! Complimenti per l'effetto neve ..si respira un bellissimo clima qui da te! Buon anno che inizia
    Fico&Uva

    RispondiElimina
  13. ciao, grazie a Paola, mia collega, ho avuto la fortuna di assaggiare il tuo pan'e saba e i cannoli fatti da te e dalla tua mamma e posso testimoniare che i tuoi dolci, oltre che belli nella presentazione delle immagini, sono anche buonissimi!!! Mai pensato di aprire un ristorante?
    Complimenti per il blog, è un vero e proprio gioiello!
    ciao Alessandra

    RispondiElimina
  14. @Alessandra:ciao, in effetti Paola mi parla spesso di voi e mi fa molto piacere sapere che avete assaggiato una delle mie ricette, per me non potrebbe esserci miglior testimonianza della vostra! Un ristorante dici? ma certo magari un bistrot a Cagliari zona Castello...Magari!
    Grazie ancora e non esitare a farti sentire! A presto, Claudietta.

    RispondiElimina