I Lievitati

Gli sgonfiotti e un benvenuto alla Primavera!

21/03/11 12:18

Favolosa ricetta di Massimiliano Sepe, estrapolata dal blog "Anice e Cannella", per altro, favoloso anche lui e la sua curatrice.
Quando avete desiderio di provare a fare un lievitato, dolce o salato non ha importanza, che dia un risultato stupefacente fateci un salto, ci sono ricette ottime accompagnate da ottime fotografie e spiegazioni.
Ora che ho provato questa pasta non la mollo più..immagino già quante possibili combinazioni..magari dolci, magari in altre forme ..chissà..per ora vi presento i miei sgonfiotti con Testun al Barolo e pomodori secchi...


Sgonfiotti al Testun al Barolo e pomodori secchi

Ingredienti e dosi per 50 sgonfiotti

Per l'impasto

1kg di farina di tipo "0"
25 g di lievito di birra
125 ml di yogurt magro (1 vasetto)
2 prese di sale
2 cucchiai di olio d'oliva
350 ml di acqua tiepida
1 uovo per spennellare

Per il ripieno

200 g di Testun al Barolo
100 g di pomodori secchi

Olio di semi di arachide per la frittura




Vi riporto la ricetta come da blog

Su di un piano da lavoro disponete la farina a fontana, quindi in un contenitore versate l'acqua tiepida, il lievito di birra, l'olio, e lo yogurt una presa di sale e mescolate bene.
Se impastate con una planetaria versate la farina nel contenitore quindi a media velocità incorporate poco a poco il composto liquido ( a mano è lo stesso procedimento, con un po' più di fatica) fate incordare bene l'impasto e regolatevi sempre in base alla farina che state utilizzando.
Dal momento che utilizziamo una farina "0" che riesce ad assorbire quindi un'elevata quantità di liquidi, potreste aver bisogno di aiutarvi con un po' più di farina o un po'meno d'acqua, in sostanza l'impasto dovrà risultare ben sodo e dovrà staccarsi con semplicità dal contenitore.
Una volta pronto l'impasto, prelevatelo dalla planetaria e disponetelo dentro una scodella sufficientemente capiente, coprite con un panno e lasciate lievitare in un luogo caldo per almeno un ora (la pasta raddoppierà il suo volume).
Nel frattempo tagliuzzate il formaggio e i pomodori secchi e metteteli da parte.
Trascorso questo tempo, prendete la pasta (lo chef consiglia di stenderla con la macchina per la pasta fresca) io l'ho stesa con il mattarello raggiungendo uno spessore di poco più spesso rispetto a come deve risultare l'originale, ad ogni modo deve essere sottile e non spessa.
Ricavate dei dischi con un tagliapasta di 7-8 cm di diametro, spennellarli con un po'd'uovo sbattuto e quindi passare a farcirli.
Richiudete la pasta su se stessa e sigillate i bordi con i rebbi di una forchetta.
Riponete gli sgonfiotti per una decina di minuti in freezer quindi tuffateli in abbondante olio di semi (io uso quello di arachide) e friggeteli rapidamente.
Lasciateli scolare su di un panno di carta assorbente e servite ben caldi.
Buon appetito e buon inizio settimana a tutti !




Può piacervi anche

24 commenti

  1. peccato siano fritti e nn li possa fare perchè credo siano una goduria!

    RispondiElimina
  2. mamma mia, spettacolariiiiiiiiiii!! troppo golosi, mi viene una voglia di papparmeli tutti!!!

    RispondiElimina
  3. Questi li ho fatti anche io, ma mi sono venuti brutti...ma brutti! Il gusto però era buonissimo, il guaio è che uno tira l'altro! Buona giornata ciao

    RispondiElimina
  4. quoto Cleare...non perchè non mi piaccia il fritto....è che io odioooooooooooooo friggere! Non ho nemmeno la friggitrice...ma per questi....quasi quasi faccio un'eccezione...:P

    RispondiElimina
  5. Si sente fin qui il profumo. Metto da parte, ci proverò, ciao cara

    RispondiElimina
  6. devono essere davvero buoni! slurp!

    RispondiElimina
  7. mamma mia che delizia...anche se non riesco ad immaginare la bontà del ripieno...

    RispondiElimina
  8. meravigliosi come sempre... ciao simmy

    RispondiElimina
  9. davvero buoni gli sgonfiotti! ricetta da provare, li preferisco rustici come te :)
    ma sai che qui di primavera proprio niente oggi faceva un freddo!

    RispondiElimina
  10. Stupendissimi e buonissimi!:)
    complimenti!:)

    RispondiElimina
  11. Fantastici! Chissà che friabili...mmm

    RispondiElimina
  12. Meravigliosi....e Anice & cannella è una garanzia!!Baci, Flavia

    RispondiElimina
  13. Che belli! Io sono affamata già di prima mattina! Li mangerei subito!

    RispondiElimina
  14. visti ieri, ma poi ero di corsa...... son ripassata appositamente perchè stai facendo un lavoro fantastico! complimenti :)

    RispondiElimina
  15. che belli!il formaggio testun al barolo dato che nella mia zona non lo trovo con che cosa può essere sostituito?grazie Angelica

    RispondiElimina
  16. Grazie a tutti, spero li proviate perchè valgono davvero!! rispondo ad Angelica per il cambio ingrediente, io ci vedrei bene con i pomodori secchi, anche un pecorino semistagionato.. anche di capra volendo..

    RispondiElimina
  17. La prima volta che ho assaggiato il testun al Barolo sono andata in estasi mistica..... Bravissima
    Betti

    RispondiElimina
  18. ma come fai ad avere tanta pazienza e tanta manualità?sei bravissima!!ma gli ingredienti "strani" come il testun di Barolo dove li trovi?
    ciao Loredana

    RispondiElimina
  19. il testun al barolo è un'ottimo formaggio realizzato con la latte misto , vino Barolo e vinacce e io ho la fortuna di trovarlo in una botteghina vicino casa!

    RispondiElimina
  20. ho notato ank'io la pasta :-D davvero interessante! ..il formaggio nn lo conosco!:(

    RispondiElimina
  21. vien voglia di allungare la mano e prenderne uno :) son davvero bellissimi e immagino quanto devon esser buoni!

    RispondiElimina