Dolci

Île flottante

04/03/11 11:51



Che meraviglia di dessert!! Se mai vi è venuta voglia di mangiare/toccare una nuvola questo fa proprio per voi!
La base del dolce è una classica crema inglese, per la realizzazione della quale mi sono affidata alla ricetta del maestro M.Santin, mentre l'isola "galleggiante" è costituita dal una soffice quenelle di albume e zucchero montati a neve e cotti in acqua calda, che sfiora appena il bollore.
Il tutto sarà completato da una granella tostata di mandorle e caramello cotto a secco.
Pronti? 
Via!

Per la crema inglese (da una ricetta di Maurizio Santin)

700 g di panna
300 g di latte intero fresco
200 g di tuorli
100 g di zucchero semolato

In un pentolino mettete a scaldare latte e panna.
In una bacinella riunite i tuorli (rompeteli appena) e aggiungete lo zucchero mescolando con l'aiuto di una frusta, cercando comunque di incorporare meno aria possibile.
Quando latte e panna saranno ben caldi versateli sulle uova amalgamate bene e rimettete tutto sul fuoco portando ad una temperatura di 82-83°C, quindi filtrate il tutto e omogeneizzate con un mixer da immersione.
Versate la crema nelle ciotole o nei bicchieri e mettete in frigo a riposare.

Per le "Îles" vi occorrono

100 g di albumi
50 g di zucchero

Montate a neve le chiare con lo zucchero e quando avrete ottenuto una massa ben soda formate delle quenelles che metterete in acqua calda al limite della bollitura a cuocere 1 minuto per lato.
Adagiate le quenelles, una per ogni coppa, e procedete quindi a preparare il caramello.
Io l'ho preparato a secco, usando cioè solo zucchero, altrimenti l'alternativa è quella di preparare il caramello con zucchero e acqua con queste dosi:

250 g di zucchero
100 g di acqua
150 g di sciroppo di glucosio

seguite questo procedimento : Ricetta caramello 


Completate il tutto con una spolverata di mandorle in granella o a scaglie.


Può piacervi anche

29 commenti

  1. ne avevo sentito parlare di questo dolce...ma ancora non l'avevo mai visto realizzato... sono senza parole, è uno splendore... trasmette calore! bravissima!

    RispondiElimina
  2. Wowwww, sono senza parole!!!!
    Stupenda questa creazione...brava, brava, brava...
    Ciao e buon fine settimana ^_^

    RispondiElimina
  3. Aprire una pasticceria no??
    Ma sei bravissima, anche a me piace molto fare dolci ma questi sono capolavori!!

    RispondiElimina
  4. ecco, questo è un dolce a cui non oso, per timore reverenziale, avvicinarmi! ho paura di fare un pasticcio, conoscendomi...
    però guarda lì che faccia!!!!

    RispondiElimina
  5. che meraviglia, bravissima, complimenti sia per la preparazione che per le foto da sogno! Non l'ho ancora mai mangiato questo dolce, ma ormai la curiosità non ha limiti! proverò senza dubbio!! :) Alessia

    RispondiElimina
  6. è proprio una meraviglia!!!Sei bravissima!!! io neanche ci provo!!!

    RispondiElimina
  7. ...mi ha sempre incuriosito parecchio questo dolce, per me così misterioso e difficile da realizzare...
    Ti è venuto una meraviglia, con quella colata caramellosa da urlo!
    Buon fine settimana

    RispondiElimina
  8. MERAVIGLIOSA!!! Non ci sono altre parole per descriverla! Bravissima come sempre Claudietta!!! Baci!

    RispondiElimina
  9. oooohhh!!! hai fatto di un dolce semplicissimo un'opera d'arte!!! sei magnifica!

    RispondiElimina
  10. Claudietta io sono proprio lì sul bordo della coppa, pronta per tuffarmi. Un bacio

    RispondiElimina
  11. Resto incantata...è una meraviglia!!!ooooooooohhhhhhh...buon weekend!!!Ciao Flavia

    RispondiElimina
  12. ha un nome troppo bello per non piacere!

    RispondiElimina
  13. lo sapevo,non dovevo guardare...sono a dieta e questo è un dolce che mi sogno anche di notte!!!!

    RispondiElimina
  14. AH...Claudietta! Ma come si fa a resistere a una tal bontà! Non servono le parole per descrivere questo dessert, basta guardare le tue splendide foto per cpaire che è assolutamente da provare!!! Bravissima come sempre!

    RispondiElimina
  15. Un dolcissimo capolavoro realizzato a meraviglia!

    RispondiElimina
  16. Che sogno!! L'ho mangiata tanti tanti anni fa a Parigi e l'ho trovata sublime. Mi segno la ricetta e me la tengo buona per stupire mio marito che di sicuro ancora se la ricorda!! Grazie mille!!! :-))

    RispondiElimina
  17. Intanto complimenti per i banner: Parigi è sempre Parigi!!! e poi ho provato un tuffo al cuore nel vedere l'ile flotant. Era il dolce che i miei figli preferivano nell vostre innumerevoli vacanze in Francia.

    RispondiElimina
  18. mi è venuta voglia di mangiarlo mentre leggevo!! ke goduria! è un vero chef d'oeuvre!

    RispondiElimina
  19. Mmmm l'ile flottante mi ricorda quand'ero piccolo : )
    bellissime foto!

    RispondiElimina
  20. ooooohhhhhhhhhhhhhh disse lei esclamando per cotanta bellezza :)

    RispondiElimina
  21. Che meraviglia! e il caramello che gocciola fuori rende tutto libidinoso... buon fine settimana!

    RispondiElimina
  22. Che delizia di dolce!! La voglia di mangiarlo è tanta...ma è così bello che è un peccato rovinarlo anche solo con un cucchiaino...Complimenti come sempre!!!

    RispondiElimina
  23. ma questa sembra fatta per me!!!! Grazie Claudia, la proverò di certo! Un bacione

    RispondiElimina
  24. Vengo qui e trovo l'apoteosi della golosità!!!Che spettacolo Claudietta!
    Spero che tu stia meglio. Un bacione

    ps...Il bannerino ville-lumière style è un amore...Qui calza a pennello!!!

    RispondiElimina
  25. Una meraviglia! Proverò questo dolce uno di questi giorni - che goduria!!! :-)

    Carissimi saluti, Gina

    RispondiElimina
  26. Questo dolce è nel mio cuore perchè mi ricorda mia nonna, bravissima, hai un blog splendido e la tua mano nel fare le cose è davvero speciale.

    RispondiElimina