Scamorza passita di caciocavallo di Agnone al tartufo

Vellutata di zucchine con scamorza passita di caciocavallo al tartufo

27/06/11 15:18




Non tarda ad arrivare l'uso del primo ingrediente del "pacco di Ale" lo chiamerò affettuosamente così.
Si inizia col Molise.
La scamorza passita di caciocavallo di Agnone al tartufo è davvero ottima.
Non ho voluto snaturarla, l'ho utilizzata al naturale, una dadolata di formaggio squisito sopra una vellutata di zucchine "light" data l'assenza di panna e grassi di origine animale.

Vi lascio qualche informazione sul prodotto: La zona di produzione è situata nell'alto Molise in provincia di Isernia dove il caseificio dimora a 850 metri s.l.m. Il pascolo vaccino, brado, si estende dai 950 ad oltre i 1400 metri s.l.m. Le vacche sono di razza prevalentemente Pezzata Rossa e Bruno Alpina. Il latte si lavora esclusivamente a crudo con aggiunta di siero-innesti e in assenza assoluta di composti chimici come l'acido citrico (usuale nella produzione in caseifici poco tradizionali). Non si riciclano "resi". Il caglio è di bovino lattante in polvere. Durante la cagliatura, vengono aggiunti pezzetti di tartufo della zona, che donano al prodotto sentori gustativi inusuali. La scamorza ha una stagionatura minima, quanto basta da poter formare una lieve "pellicola" in superficie. L'azienda fa parte dell'ANFOSC (Associazione Nazionale Formaggi Sotto il Cielo) fonte: Facebook.

..vi lascio anche la ricetta ;)

Per 4 persone

5 zucchine novelle verdi
1 cipolla dorata
2 patate medie
olio extravergine d'oliva
300 ml di brodo vegetale (non usate il dado ma preparatelo voi con sedano, carota e cipolla)
qualche foglia di maggiorana
2 cucchiai di parmigiano grattugiato
mezzo bicchiere di latte
pepe e sale q.b
40 g di scamorza passita di caciocavallo di Agnone al tartufo

Affettate la cipolla e fatela appassire dolcemente in 3-4 cucchiai d'olio extravergine d'oliva.
Fate cuocere intanto le patate partendo da acqua fredda, contando circa 25-30 minuti dall'ebollizione (dipende sempre dalla dimensione delle patate) una volta cotte, privatele della buccia e mettete da parte.
Quando sarà diventata trasparente aggiungete le zucchine che avrete precedentemente lavato e tagliato a pezzetti e la maggiorana.
Fate cuocere a fiamma vivace per circa 10 minuti. Salate.
Quando le zucchine saranno cotte, aggiungete le patate a tocchetti e passate tutto al minipimer unendo poco a poco il brodo vegetale.
Potete scegliere voi la quantità che desiderate di brodo a seconda di come volete la consistenza.
Aggiungete anche il parmigiano e il mezzo bicchiere di latte.
Regolate di sale e pepe.
Servite con dei crostini di pane dorati e una abbondante dadolata di scamorza passita al tartufo.





Può piacervi anche

18 commenti

  1. mmhh...ma che bontà! e poi è anche molto chic, davvero complimenti!

    RispondiElimina
  2. Adoooooro le vellutate! Che bel piatto!

    RispondiElimina
  3. Trovo che tu abbia elaborato una ricetta perfetta.Davvero complimenti

    RispondiElimina
  4. Complimenti per questa delicata ricetta...
    l'esecuzione mi sembra molto semplice,
    credo che la particolarità e la differenza la faccia proprio la scamorza ;-)
    La presentazione è straordinaria...

    RispondiElimina
  5. Ciao Claudietta!
    Sono molto felice della tua visita per la quale ti ringrazio di cuore, onorata di fare la tua conoscenza.
    É un piacere saperti nella mia lista di followers, come la prima in assoluto.

    Splendide entrambe le ricette proposte nella giornata di oggi, e le fotografie sono squisitamente genuine.

    Un sorriso e buona giornata.

    RispondiElimina
  6. Che delicatezza ^_* ottimo post!

    RispondiElimina
  7. Ottimo l'abbinamento, e te lo dice una molisana doc (trapiantata in Abruzzo)!
    ciao loredana

    RispondiElimina
  8. quella scamorza deve essere una meraviglia! :P

    RispondiElimina
  9. Mamma mia che formaggio! Beata te...

    RispondiElimina
  10. peccato che sia tanto difficile trovare i formaggi italiani in Spagna!! Fantastico, quanto è bello non dimenticare il cucchiaio d'estate!!

    RispondiElimina
  11. Un abbinamento azzeccato, una foto molto bella...

    RispondiElimina
  12. Ciao cara! ritorno dalle mie vacanze più esaurita e stressata che mai!sono in ritardo sulle visite ai blog riesco a visitarne pochissimi al giorno quanto niente! mi sono vista tutti i tuoi post..non potevo perderli! :)dalla merendina sullo stecco che è una meraviglia solo a guardarla! alle crostatine fingerfood! al tuo gattino che si dondola! alla zuppetta con i gamberi a questa vellutata che è una meraviglia! ma è possibile che anche una semplice vellutata sul tuo blog sembra un opera d'arte??? :))) Bravisssiiiimmmmaaaa!! felice di rileggerti cara un abbraccio!

    RispondiElimina
  13. cuocaatempoperso3 luglio 2011 01:46

    Ciao Claudia.. noto con piacere che hai iniziato ad usare roba del " mio paco " o meglio del "pacco di ALe." :D
    Mi piace mi piace mia piace... e vasi.. vediamo come riusciarai a stupirci..
    Un abbraccio ALe

    RispondiElimina