Dolci

L'Inspiration....

07/09/11 16:50


So che mi capirete. Siete lì, in cucina, state ultimando il vostro dolce, sistemando le ultime decorazioni..la macchina fotografica è li, pronta a dare il meglio di se, sul mobile, schedina di memoria già inserita (oddio ma ci staranno le foto?sarà piena?-sob-), batteria carica, talmente carica che potrebbe scoppiare, obiettivi intercambiabili a portata di mano, set fotografico (quasi) pronto (perchè la foto più è naturale, meglio è).
Procedete quindi ad immortalare la vostra creatura come se fosse, unica e irripetibile in tutto il suo splendore, assumete anche le posizioni più strane, scalate sedie, fate esercizi di allungamento dei muscoli, siete persino capaci di trattenere il respiro oltre modo per non muovere un muscolo in condizioni di poca luce (e mancanza, ovvia, di cavalletto)..con il quale non occorrerebbe, invece, entrare in apnea..
Insomma, rientrate in casa, perchè la luce, si sa, è meglio se naturale, estraete la schedina dalla macchina la inserite nel computer e cominciate a sfogliare soddisfatte il frutto di tanto lavoro.
Tutto ciò è capitato a me, stamattina.
Solo che al fine di cotante peripezie, davanti alla foto più bella esclamo: "t'oh, questa è bella! ma come diamine lo chiamo sto dolce?
L'ho immaginato, l'ho disegnato, ho pensato alle ricette, alle consistenze, l'ho fatto.
Mattonella! ho pensato. Naaa, che nome orribile per siffatta chiccheria!
Millefoglie! Scusa, ma dove le vedi?proprio no.
Tortino! Eh no, dai, questo è troppo. poi non si capisce nulla..
Oh santa Cleopatra!
Ma questo dolce nasce da un ispirazione! Quale? ma la mia no? Non so come, non so dove, ma è venuta.
Lo chiamerò "L'Ispiratiòn".
Comunque è buono, Shakespeare intanto direbbe "in fondo cos'è un nome?"
Adoro Shakespeare, anche il dolcino non è male.
Baci a tutti!

Cominciamo con la ricetta della pasta choux che trovate qui. e dalla ricetta della meringa italiana che trovate invece qui.
Il dolce è composto da una base di pasta frolla classica, dalla meringa italiana, da un biscuit alla farina di riso e mandorle e cacao e choux caramellati.

Per il bisquit classico alla farina di riso e mandorle e cacao

80 g di tuorli
40 g di farina di riso
40 g di farina di mandorle
20 g di cacao amaro
120 g di albumi
100 g di zucchero Mascovado

Montate gli albumi con lo zucchero, incorporate poco a poco i tuorli, quindi incorporate le farine setacciate col cacao con l'aiuto di un mestolo di gomma rigirando dal basso verso l'alto facendo attenzione a non smontare il composto.

Versate il composto in una teglia rivestita di carta da forno e fate cuocere in forno preriscaldato a 240°C per circa 10 minuti.

Preparate la frolla:

Vi do le dosi e le proporzioni degli ingredienti scelti da Luca Montersino

(vi consiglio di rispettare le dosi perchè l'eccedenza è possibile conservarla comodamente in freezer e utilizzarla per un'altra volta)

1 kg. di farina db
600 g di burro
400 g di zucchero a velo
160 g di tuorli
1 bacca di vaniglia bourbon
2 g di sale

Io l'ho impastata secondo il metodo classico quindi incorporando dapprima burro e zucchero, quindi i tuorlo, poco alla volta, e infine la farina.
Fate riposare in frigorifero (meglio se tutta la notte).

Per la glassatura dei bignè procedete invece con la realizzazione del caramello a secco, ovvero, portando a cottura solo zucchero semolato in un pentolino.
Man mano che si sarà sciolto incorporate ulteriore zucchero sino ad ottenere un caramello ben ambrato, immergetevi i bignè e glassateli.
Assemblate il dolce partendo dalla base di pasta frolla quindi la meringa italiana, il biscuit al cioccolato e completate con ciuffi di panna montata e i bignè caramellati.


Può piacervi anche

47 commenti

  1. wow che dolce favoloso!!!! e che dire delle foto? le tue peripezie nel fotografare sono state utilissime per immortalare un dolce così bello e buono! complimenti :-)

    RispondiElimina
  2. Complimenti è bellissimo... mi mandi una fetta della tua Inspiration? mmm mmmm sbav.

    RispondiElimina
  3. Claudia,ormai sarai annoiata a sentirtelo sempre dire ma è un dato di fatto..sei brava, hai fantasia gusto ed eleganza ed i tuoi dolci e tutte le tue ricette meriterebbero una grandissima "vetrina"...succederà di sicuro ed io sarò molto felice per te.
    baci Ilaria

    RispondiElimina
  4. @Ilaria: che dolce sei, grazie, adoro i vostri complimenti, non mi stancano mai!

    RispondiElimina
  5. Claudia è sempre un piacere per gli occhi passare qui nel tuo bistrot! Un piacere anche per il palato, con questa inspiration superi te stessa. Un piacere per la mente, leggere un post cosi elegantemente divertente e raffinato non è da tutti i giorni! I nostri complimenti!

    RispondiElimina
  6. uau...è davvero un 'ispirazione!!! mi ispira a divorarlo!
    bellissimo

    RispondiElimina
  7. Ispira parècchio anche me! Complimenti.

    RispondiElimina
  8. bravissima!!è una meraviglia per occhi e palato!

    RispondiElimina
  9. Ahaha!!! Che sia tortino o mattonella questo dolcino è semplicemente splendidoooooo! Potrei stare ad ammirare questa delizia per delle ore!! Brava! bacioniiii

    RispondiElimina
  10. Solo a guardarlo mi viene l' acquolina bocca..
    Un dolce e una ricetta stupenda..la proverò presto.

    RispondiElimina
  11. Per fortuna che ti piacciono ancora i complimenti, no perchè mi sento sempre noiosa quando passo di qua e lascio un commento... ma come si fa a non dirti sempre e solo BRAVA! accipicchia...
    Buona serata cara

    RispondiElimina
  12. ...quando c'è l'ispirazione!!!
    ciao loredana

    RispondiElimina
  13. Una meraviglia di foto e di dolce!!!!! E bellissima la tua descrizione mi ci ritrovo in ogni foto che scatto se vuoi sbirciare ti lascio l'indirizzo del mio blog http://rossolampone.blogspot.com

    RispondiElimina
  14. è un capolavoro... complimenti davvero!!!

    RispondiElimina
  15. ah ah mi ha fatto sorridere il tuo racconto! comunque la tua ispirazione è sfacciatamente favolosa.

    RispondiElimina
  16. Claidietta io non adoro Shakespeare mala tua inspiration la trovo sublime, un abbraccio, Alex

    RispondiElimina
  17. come ti capisco! eh eh eh
    il dolce è talemnte bello che può anche non avere un nome :P

    RispondiElimina
  18. quanto vorrei che tu facessi dei video-tutorial di quello che realizzi... e di come lo fotografi! Pensaci, secondo me faresti felici molte di noi!!!
    Un bacione!

    RispondiElimina
  19. che dirti cara Claudia, evviva "l'inspiration", che potevamo chiamarlo anche "ciccio" ed era perfetto comunque. L'illuminato Shakespeare ha ragione!
    Brava, davvero

    RispondiElimina
  20. Io l'avrei chiamato "Coup de foudre".... un amore a prima vista...:D

    RispondiElimina
  21. Chiamalo come ti pare... questo dolce è pura e semplice poesia!!!

    RispondiElimina
  22. ma tu sei una pasticcera nata, cresciuta e pasciuta!!
    Cinzia

    RispondiElimina
  23. Una descrizione perfetta!!!e delle foto magnifiche!!!Complimenti!

    RispondiElimina
  24. Strepitoso dessert! Un pargolo che sicuramente rende orgogliosa la maestra pasticcera!
    Ho scoperto i bignè caramellati alcuni anni or sono nella vera Saint Honoré, e li ho rifatti per il Croque en bouche a rivedere i tuoi mi vengono strane idee per il week end!

    RispondiElimina
  25. in effetti cos'è un nome di fronte a cotanta meraviglia??? splendido qualunque nome vogliamo dargli..

    RispondiElimina
  26. io lo avrei chiamato chef-d'œuvre :D

    RispondiElimina
  27. spettacolo! E' vero non si respira quando si fotografa io sono alle prime armi con una macchina semiprofessionale ed è vero ti prende il ghiribizzo, penso di far un dolce nel momento in cui poi sarà pronto per la foto con la luce migliore, ormai orari di cena si basano su questo! La tua torta-mattonella-ispiration non chiede commento, perchè non ci sono le parole adeguate! E' un piacere sfogliarti! buona serata.

    RispondiElimina
  28. Opera d'arte.... quel bignè caramellato dovrebbe finire alla National Gallery...

    RispondiElimina
  29. Grazie a tutti! Ma che bei complimenti!Diciamo un po'la verità..pure io vi adoro..unici nel vostro genere e anima da foodbloggers! Bacioni!! ..oggi ne arriva un'altro! ;)

    RispondiElimina
  30. He incluido tu post en Mis Favoritas, puedes verlo aquí
    http://blocderecetas.blogspot.com/2011/09/mis-favoritas-pan-en-espanol.html
    Espero que te guste!

    RispondiElimina
  31. L'Inspiration.....e' paradisiaca........! Kiss x 3 civette incantate......!!!!!!

    RispondiElimina
  32. Una maestra pasticcera si nasconde in te !
    Questo dolce è favolosamente goloso e le foto strepitose !!
    Bravissima!
    Un abbraccio
    Alice

    RispondiElimina
  33. Beh, che dire... se venisse anche a me un'ispirazione così non potrei chiedere di meglio.
    Complimenti
    Elisa

    RispondiElimina
  34. eh ispira si!! una magnificenza, un peccato solo guardarlo per paura di rovinarlo! bravissima come sempre!! ora vdo a fare due acrobazie anche per degli scatti :D.. ciaooo!

    RispondiElimina
  35. come potevo passare di qui
    guardare questa squisitezza e non fermarmi a farti i complimenti!
    magari, tra molti anni saro' cosi' brava anche io, ad andrea non dispiacerebbe di certo ^_^

    RispondiElimina
  36. partecipa al contest per vincere una caraffa filtrante http://www.prezzemolino.com/

    RispondiElimina
  37. ciao claudia, complimentissimi, ti ho scoperta tramite bloggeritalia, ti seguirò con piacere visto che siamo anche "vicine di casa" :)

    RispondiElimina
  38. un altro capolavoro dei tuoi!

    RispondiElimina
  39. Complimenti davvero! Hai un blog a dir poco meraviglioso. Fotografie, ricette e forma...elementi dosati sapientemente. Brava. Sei già nei miei preferiti :-))
    orecchini.di.perle@gmail.com

    RispondiElimina
  40. è da un pò che passo da queste parti in punta di piedi ma devo assolutamente farti i complimenti il tuo blog è tra i migliori che ho visto in giro, molto ben curato e ... senza l'invadenza della pubblicità!

    RispondiElimina