Ciabatta atto III: Con lievito madre e a lunga lievitazione




La ricetta l'avete già vista..ma per questa versione ho una novità sensazionale! Siete schiave del lievito madre? Non riuscite a coltivarlo come dovreste e, quando lo utilizzate non vi soddisfa il risultato finale?
Per la prima volta, nell'impasto che io e il mio amore abbiamo impastato ieri sera, abbiamo aggiunto il lievito madre di frumento liofilizzato.
Ne occorrono 40g per 1kg di farina . La marca? Antico mulino rosso, lo trovate nei supermercati bio. A Cagliari l'ho trovato, e se l'ho trovato qui...credetemi qui è difficile trovare molte cose che da voi invece sono facilmente reperibili! e, colpo di fortuna, trovo anche il malto d'orzo (con consistenza tipo miele) col suo inconfondibile e bellissimo color ambrato.
Era quasi impossibile non riproporvelo, solo una catastrofe mi avrebbe fermato! 
Il risultato rispetto all'ultimo pane realizzato cambia di molto. Il malto oltre a conferire al pane quel delizioso colore oro chiaro della crosta (gli aminoacidi liberi reagiscono con gli zuccheri nella reazione di Maillard, durante la cottura) , gli da anche un sapore gradevolissimo! mentre l'uso del lievito madre in polvere vi farà sentire, a conti fatti e a pagnotte sfornate delle vere e proprie panificatrici! 
A differenza dell'altro pane questo, si è fatto ben 15 ore di lievitazione . Lo impastate la sera insomma, lo lasciate lievitare tutta la notte e nella prima mattinata è già in forno!
Dunque la ricetta è sempre questa , in più c'è un cucchiaino di malto e 10 g di lievito madre liofilizzato in polvere (so che vi ho detto che se ne utilizzano 40g per 1 kg di farina, io ne ho fatto 1/2 chilo e avrei dovuto usarne 20 g ma comunque mi è sembrato tanto visto che in una notte è triplicato non raddoppiato! quindi vi consiglio 10 g per 500 g di farina solo se dovete procedere con una lievitazione di 15 ore come la mia).
Rispetto alla versione precedente è ancora più leggero con una crosticina molto croccante e soffice e più digeribile.








15 commenti :

  1. Ciao, io ho trovato on-line la "pasta acida essicata" e da quando ho iniziato ad usarla il pane viene buonissimo! Un abbraccio.

    RispondiElimina
  2. Dunque tu fai foto che hanno l'anima... non mi spiego bene dovrei scrivertelo in mia lingua madre...non è solo che sembra di mangiare il tuo pane e sentire suo odore, è proprio che sanno di te pure se non ti conosco... sono un punto di vista tuo sul mondo e poi sulla cucina. Ecco... Brava davvero con tutto il cuore. Valerie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Val, e che dire dei tuoi commenti!? mi fanno commuovere!! grazie di cuore anche a te per le tue visite e per i tuoi bei complimenti! a presto, ti abbraccio.

      Elimina
  3. oddio, non mi parlare di pasta madre! mi ha preso il trip di prepararla e adesso ho l'incubo di avere un tamagochi da nutrire tutto il giorno tutti i giorni!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) il tamagochi! è vero!! non è un incubo..meglio questo davvero!

      Elimina
  4. ecco quello che fa per me! non ho mai trovato il coraggio per provare a fare il lievito madre e con questo prodotto potrei ovviare alla cosa :) devo vedere se qui dalle mie parti si riesce a trovare..baci ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ovvieresti al problema di certo! spero tu riesca a trovarlo! baci!

      Elimina
  5. A breve posterò il mio... è rimasto morbido dentro e croccantino fuori per tre giorni, poi è finito. Conosco quel lievito, ottimo!

    RispondiElimina
  6. un vero spettacolo per gli occhi e, per i fortunati, anche per il palato, son sicura!!!

    RispondiElimina
  7. Mi sembra un risultato fantastico! Proverò a reperire entrambi gli ingredienti speciali, grazie!

    RispondiElimina
  8. Ciao Claudia,
    e sì è fantastico! L'ho scoperto più di un anno fa, dopo 2 insuccessi con la pasta madre.
    Ora che me ne hanno regalato un pezzetto tengo comunque queste bustine di lievito madre secco (anche al Kamut). Anch'io se impasto la sera prima uso la metà delle dosi indicate (10 grammi per 500 grammi di farina). Se invece mi vien voglia di pizza nello stesso giorno, seguo le dosi indicate.
    Condivido ogni parola di Valerie. Il tuo modo di fotografare emoziona!

    RispondiElimina
  9. Grazie Barbara, per la tua visita e i tuoi complimenti..anche a me ne hanno regalato un pezzetto..ma ho timore di usarlo! ha tre anni e ho davvero paura di rovinare tutto..ma prima o poi...dovrò farlo! un abbraccio e grazie ancora....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te! E' da tanto che ti seguo ed ho sempre ammirato il tuo modo di proporre le ricette, Anch'io ho avuto timore di usarlo, infatti ho iniziato a prenderci confidenza facendo crackers.

      Elimina