Involtini croccanti mele e cannella


...o simil seadas con variazione del ripieno.
Insomma si..la pasta è quella gira che ti rigira..ovvio che una seadas vera è propria non è se si vuol chiamare ogni cosa con il suo nome.
Vero è anche che il risultato finale è davvero molto molto molto simile alla seadas se non fosse che al posto del pecorino ci stanno una valanga di mele ridotte in brunoise avvolte da una dolce salsina profumata alla cannella.
L'involucro si presta in effetti a mille interpretazioni essendo assolutamente neutro, semola di grano duro, strutto e acqua. Niente di più semplice e veloce per improvvisare il dolcino della domenica.
Per quanto riguarda il ripieno avete, come sempre, campo libero..dal salato al dolce..io, che come ben sapete vado matta per le mele, non ho resistito e....
Tenete sempre in considerazione il fatto che anche l'impasto può essere soggetto a cambiamenti..aggiungendo magari lo zucchero, oppure parmigiano per una versione salata...io non ho aggiunto zucchero in quanto già sapevo che il mio ripieno sarebbe stato generoso in fatto di zucchero, se poi optate per una colata di miele...beh allora non è proprio il caso di usarlo...però insomma valutate voi..io vi lascio la ricetta intanto..;)

Per 15 pezzi

Per la pasta

300 g di farina di semola di grano duro
120 g di acqua tiepida
48 g di strutto
1 pizzico di sale

Per il ripieno

2 mele e 1/2 tipo Golden o Granny Smith
100 g di zucchero semolato ( se preferite anche uno zucchero grezzo di canna, un Dulcita o un Mascobado)
10 g di sciroppo di glucosio disidratato (facoltativo)
cannella q.b

Olio di semi di girasole per friggere

Lavorate per l'impasto tutti gli ingredienti sino ad ottenere un composto omogeneo, liscio e compatto.
Potete impastare anche a mano unendo poco a poco l'acqua, lo strutto dovrà essere morbido per facilitarne con il calore delle mani l'incorporarsi nell'impasto.
Ottenuta la consistenza desiderata avvolgete l'impasto nella carta pellicola e lasciate riposare in frigorifero per mezz'ora.

Le mele andranno invece ridotte in piccoli cubetti e fatte caramellare in padella con tutti gli ingredienti sino ad ottenere per le mele una media cottura e una salsa liscia e golosa.

La pasta andrà stesa con l'aiuto del tira sfoglie.
Cercate di ottenere dei rettangoli, quindi, disponete sul lato corto in alto davanti a voi una striscia di farcitura alle mele tenendovi distanti dal bordo almeno 1 cm.
Quindi ripiegate i lati lunghi sul ripieno e cominciate ad impacchettare il tutto iniziando ad arrotolare l'involtino dal lato corto ( quello vicino al quale avete disposto in precedenza il ripieno)
Inumidite la pasta prima di concludere con "l'impacchettamento" quindi sigillate bene.

Per ultimo tuffate gli involtini in abbondante olio caldo (170°C) e servite subito, non prima di aver irrorato l'involtino con una generosa colata di buon miele, quello vostro preferito!




9 commenti :

  1. Non avevo idea di che cosa fossero le seadas,e mi ha fatto piacere di andarlo a scoprire grazie al tuo riferimento. Certo che quelle che hai preparato tu devono essere deliziose con le mele leggermente caramellate e il profumo della cannella. Il mio miele preferito è sicuramente quello di fiori d'arancio e ci avrei messo quello!!!
    Ciao :-)

    RispondiElimina
  2. Questo tipo di impasto non l'ho mai usato.. Ma già ne vado pazza perché sembra così fragrante sfogliato.. E poi il ripieno non può non essere stupendo se a base di mela!! Brava

    RispondiElimina
  3. ....impasto mai usato: aspetto fantastico...e poi mele e cannella: binomio, per me, perfetto! baci cri

    RispondiElimina
  4. Oh... le meravigliose seadas! Ma fatte così non le avevo mai mangiate!
    Chissà che bontà!
    Baci
    Elli

    RispondiElimina
  5. Senza parole!!! Sono bellissimi e golosissimi!!

    RispondiElimina
  6. Ma quanto sono belli? Sicuramente sono altrettanto buoni..complimenti per l'idea!!

    RispondiElimina
  7. ma che meraviglia che sono!!mi fanno una golaaaaa!!

    RispondiElimina
  8. Li farò per stasera a cena ;) Grazie per la ricetta!!!
    http://theradicalkitsch.blogspot.it

    RispondiElimina