Asparagi

Tagliardi agli spinaci con ragù di fave fresche e asparagi

20/02/13 21:19


Giunta è l'ora in cui, finalmente, posso usarli insieme.
Avete mai sentito il sapore di un legume più dolce? o di una verdura così inebriante?
Li avete mai assaggiati insieme? Per me si amano alla follia nel loro mondo segreto..ogni anno, appena colgo il primo asparago selvatico, mi bagno le dita col succo che proviene dalla base che ho frettolosamente tagliato con le mani. Chiudo gli occhi, annuso. Valanghe di ricordi, miriadi di sensazioni, eccitamento, persino.
E' la primavera, per me, da quel secondo in poi, è già primavera. Poco importa se hai le guance rosse di freddo.
Ti sussurra qualcosa quel profumo, dolcemente ti ricorda che l'inverno è alle spalle, intorno a te fiori di mandorlo profumano l'aria, ti riempiono gli occhi di festa.
Per me, la sua sposa perfetta è la fava, ho pensato, sì. Quella fresca, piccina, di un peso impercettibile, verde brillante e dolce...dolcissima.
E poi? e poi Cipriani...la forza, la grazia, il tagliardo agli spinaci.
Ho pensato a lungo su quale potesse essere la maniera migliore per rispettare ciascuno di loro, per far si che dopo, alla fine di tutto, sul palato potessero dare il meglio di loro e farti...sognare caldi raggi di sole, ancora lontani.

Cominciate con lo sgranare le fave, privandole del loro baccello.
L'ideale è usare quelle piccole piccole, ma se doveste riuscire a trovarle solo grandi, privatele anche del guscio più coriaceo che le mantiene.
Ricavate dagli asparagi le teste e conservate i gambi, più duri, ma utilissimi.
In un pentolino riponete una carota, lavata e pelata, una cipolla con qualche chiodo di garofano infilato al suo interno, e i gambi degli asparagi.
Coprite con acqua, e fate cuocere il brodo sino a che esso non sarà ben denso di profumo e le verdure saranno morbide.
Nel frattempo affettate finemente uno scalogno, fatelo stufare in un filo d'olio d'oliva aggiungendo di tanto in tanto qualche cucchiaiata di brodo in ebollizione.
Unite le fave sgranate e le teste degli asparagi,  fate sentire loro solo appena il calore, un minuto e spegnete.
Salate e spolverate con un giro di pepe.
Sopra questo ragù di fave e asparagi versate la quantità di tagliardi agli spinaci Cipriani che avete scelto e proseguite con la cottura risottando con il brodo vegetale.
I tempi sono buoni perché la pasta richiede 2 minuti di cottura e questo permette alle fave a agli asparagi di insaporirsi ma non di stracuocere, rimanendo croccanti e allo stesso tempo teneri sotto i denti.
Mantecate a fiamma spenta con una nocciolina di burro e un'ultima spolverata di pepe e un giro d'olio extravergine d'oliva.
Io adoro sentire il sapore delle verdure così com'è netto, in bocca. Ma immagino che una spolverata di pecorino...
Buona serata a tutti....



Può piacervi anche

7 commenti

  1. Prolungata primavera... sensazionale!!

    RispondiElimina
  2. allora non sono la sola a sentire la primavera nell'aria e questo piatto delizioso mi fa sentire anche il profumo della prossima stagione! Complimenti vivissimi per la ricetta e per le foto!

    RispondiElimina
  3. È già stagione di fave e asparagi??? Arrivoooooo :-)

    RispondiElimina
  4. Sono una cosa divina. Adoro le fave e purtroppo insieme all'asparago selvatico non le ho mai provate. Giuro che appena riesco a trovarli, questa la copio perchè sento il profumo da qui, e tra lingua e palato la dolcezza che si dilata mi innebria la mente.
    Complimentissimi anche per le foto splendiderrime...

    RispondiElimina
  5. Che aria di primavera!!! MMMM... Non vedo l'ora di assaporare i gusti della stagione nuova!

    RispondiElimina
  6. Eh, sì, sembrano davvero una goduria!
    Elli

    RispondiElimina
  7. Non li ho mai assaggiati insieme ma dato che adoro entrambi no ho dubbi che si sposino benissimo. Anche il formato della pasta mi piace molto! un abbraccio:)

    RispondiElimina