I Lievitati

O'babà, senz'alcool.

13/01/14 15:25





E senza glutine, senza zucchero (saccarosio),senza latte, senza burro, e senza uova...ma a chi non piace l'alcool ci pensa mai nessuno? Anzi no, riformulo, a chi ama i babà e non sopporta l'alcool nemmeno un pensierino? In effetti astemi e co. hanno altri innumerevoli fiumi su cui riversarsi nel caso l'accoppiata non s'abbia proprio da pensare, ma ammettiamolo, ormai è diventata una vera e propria moda culinaria realizzare ricette "senza" o con 2-3 ingredienti..O_o (che per me non è cucinare) quindi, mi sembra d'obbligo proporre la versione rivisitata di un dolce cult della cultura gastronomica partenopea. Il babà.
La mia bagna è realizzata con un infuso di pesca e mela, profumatissimo. Farcito con panna montata e Ciliegine Spiritose sotto spirito Toschi (un pizzico d'alcool in effetti c'è ;).
Ma ora viene il bello, la ricetta del babà. Mai lievitato al mondo potrà mai darvi più soddisfazione; giallo, lucido, elastico, profumato...e dopo la cottura soffice, leggero con la capocchia dorata...insomma una festa per gli occhi!
La ricetta proviene dritta dritta dal blog di Paoletta, Anice e cannella. Ricetta perfetta, veloce, risultato garantito, e per me, che nella preparazione dei babà non mi ci ero mai cimentata prima, devo dire chè è stata una passeggiata.
L'ingrediente segreto? La pazienza!
Vi riporto la ricetta tale e quale, che trovate qui.
L'unica mia variante, come detto, è la profumazione e inzuppitura con l'infuso alla frutta.

Per lo sciroppo: fate sciogliere 375 g di zucchero semolato in mezzo litro di acqua e lasciate bollire per 5 minuti. Versare questo sciroppo tiepido in una bottiglia da litro ed aggiungere rum fino a completare il litro. 
Nella mia versione (ho usato l'infuso di pesca e mela)

Ingredienti impasto:

300 g di farina manitoba (Lo Conte)
75 g di burro ammorbidito (+ 25 g per imburrare gli stampini)
4 uova
2 tuorli
18 g di lievito di birra
1 cucchiaio di zucchero semolato
2 prese di sale

500 g di panna fresca da montare
30-40 g di ciliegie sotto spirito Toschi®

Procedimento:
Lavorate per 5 minuti con forchetta o frusta elettrica 75 g di burro con zucchero e lievito sbriciolato.
Aggiungete le uova e la farina. Dopo una prima mescolata e solo quando l'impasto sarà ben incordato, unite il sale. Lavorate l'impasto per 30 minuti con fruste elettriche col gancio, o per 20/25 minuti con la planetaria, l’importante è che l’impasto venga bene incordato e lucido. 
Con le mani ben unte di burro, prendete piccoli pezzi di impasto e mozzare l’impasto fra pollice ed indice formando delle palline (guardate la foto sulla ricetta di Paoletta). 

Formate 11 palline da 50 g ciascuna e porle negli stampini imburrati (di 8 cm di altezza).
In ogni caso, e con stampi di dimensioni diverse, L'impasto deve arrivare fino a circa 1/3.
Fate attenzione a due cose:

1) Alle bolle che potrebbero formarsi in superficie, in tal caso schiacciare l’impasto e ripetere l’operazione facendo riscivolare lo stesso impasto fra indice e pollice e chiuderlo alla fine formando la pallina. Se non le schiacciate, in cottura si alzano, e vanno ad inficiare la forma dei vostri piccoli babà.

2) Quando fate cadere la pallina negli stampini, la parte mozzata è quella che deve andare a toccare il fondo. Di conseguenza la parte liscia della pallina sarà quella che guarderà verso la superficie dello stampino, solo così, lievitando formerà una cupoletta tonda e liscia. Lasciare lievitare l’impasto negli stampini per circa 2 ore.

Infornate per 20/30 minuti in forno preriscaldato, parte bassa una tacca sopra dal fondo, alla temperatura di 180/200C°, in base alla potenza del vostro forno, io ho cotto a 190°.
I babà saranno cotti quando anche la parte interna allo stampo si sarà scurita. Se in cottura la cupoletta dovesse scurirsi troppo, ponetevi sopra della carta d'alluminio.
Per bagnarli, versare lo sciroppo appena intiepidito in una ciotola e “affogarvi” i babà. Lasciarli dentro un po' fino a che non sentite che avranno assorbito lo sciroppo... affogateli due o tre alla volta.

Con delicatezza strizzare. Lasciarli riposare per circa 3 ore tenendoli a testa in giù.
Farcite il vostro babà con la panna e amarene, o ciliegie!





Può piacervi anche

12 commenti

  1. Eccoli, wow, perfetti! li cercavo senza alcol.. a mio papà non piacciono ma io non li ho mai assaggiati.. e dato che non bevo alcun tipo di alcolico mi serviva una via di mezzo. E poi arrivi tu con queste delizie servite un piatto d'argento, pardon, di ceramica smaltata :D bellissimi questi babà, me li segno subito!
    Complimenti cara, un bacione!
    Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia!! ma dai allora casco proprio a fagiuolo come si suol dire! allora provali..e poi dimmi tutto..un abbraccione cara, e grazie!!

      Elimina
  2. da quanto tempo non preparo e non mangio o'babà, forse troppo, grazieepr la ricetta e le foto esaustive e golosissime, buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola buona settimana anche a te e grazie per la visita..sempre graditissima!

      Elimina
  3. Normalmente non ho problemi con i dolci alcoolici...ma forse questa tua bagna pesca e mela mi piace ancora di più!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-) è diversa..dà un sapore fresco ad una preparazione che solitamente è un bel po' "mapassona" :))) grazie per la visita ;)

      Elimina
  4. Concordo con te, anch'io non ho mai fatto i babà pur essendone rapita solo per il discorso del Rum che sicuramente li renderà favolosi ma non tutti lo gradiscono. I tuoi sono favolosi.. Ma poi diciamocela, che cosa non è favoloso qui da te.. adoro tutto!! dalla grafica alla musica alla delicatezza delle tue foto.. insomma l'hai già capito vero?? Io ti adoro!!!
    Morena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Morena!! Grazie, mi hai fatta arrossire! sono felice che il mio posticino virtuale ti piaccia tanto..per me è una grande soddisfazione riuscire a suscitare in voi questi sentimenti..un abbraccio grande e grazie di cuore cara!

      Elimina
  5. Che foto meravigliose!!! Inoltre scoprire che è senz'alcool mi fa venire ancora di più l'acquolina in bocca!!!
    Buona settimana
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alice! in effetti è un rischio snaturare un dolce della tradizione italiana così..però sinceramente non è male..grazie per la visita! ;)

      Elimina
  6. Mmmmmmmmmm da napoletana storco il naso. Ti converrà farmelo provare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaah ti capisco! eccome! quando storpiano ricette sarde mi vien la pelle d'oca! ne hai tutto il diritto! dai però è solo una variante...;) :-)

      Elimina