Brioche

BriocheBellini®

17/02/16 14:09



Una ricetta che nasce per caso, ma che devo dire ha dato buoni frutti.
Ho avuto la fortuna di trovare qui a Cagliari il succo di pesche bianche utilizzato per realizzare il cocktail Bellini®.
In realtà, leggendo male l'etichetta, l'ho acquistato pensando che fosse una marmellata..una polla.
E così, domanda lecita, mi sono chiesta, e ora?  mica nella mia situazione posso permettermi di trincare alcolici...il cocktail non s'ha da fare..
Ora, c'è da dire che in programma avevo di fare anche una brioche, motivo per cui ho fatto razzia di quasi tutto il burro delle Fattorie Fiandino nel banco frigo della bottega, e motivo per cui, secondo me, stavo acquistando una buona confettura di pesca con cui servirla..
Oggi sono logorroica..
Ad ogni modo, l'idea non è tardata ad arrivare. E se filtrassi l'acqua di pesca e la utilizzassi come parte di liquido per idratare l'impasto della brioche? 
Scatenata. Ci ho provato, e devo dire che il profumo di burro e pesca che alla fine ha pervaso la mia cucina è stato commovente.
Al palato il risultato è un po'meno evidente però ho pasticciato e di questo sono super felice.

Per una brioche da 1,350kg (circa)

500 g di farina w 360
70 g di zucchero semolato
8 g di lievito di birra secco
5 uova di media grandezza
70 ml di succo di pesca bianca Bellini®
70 ml di latte fresco
250 g di burro delle Fattorie Fiandino
7 g di sale fino

*sì avete letto bene, 250 g di burro. Bomba.



Nella ciotola della planetaria, (inutile che vi consigli di lavorare a mano perché l'impasto ha bisogno di essere incordato bene e vista la sua alta idratazione ciò non sarebbe semplice e vi ci vorrebbe trooooppo tempo!) montate il gancio e disponetevi la farina, lo zucchero e il lievito secco.
Unite le uova e il latte insieme al succo di pesca bianca.
Fate lavorare per due minuti.
Quindi aumentate la velocità e proseguite per altri 7/8 minuti.
Controllate attentamente la qualità dell'impasto, dovrà essere morbido, e attaccarsi appena alle pareti della ciotola.
Se così non fosse, aggiungete altra farina, se doveste rendervi conto che risulta troppo liquido, oppure se dovesse sembrarvi troppo asciutto o rigido incorporate altro latte o un altro uovo.

Iniziate quindi a incorporare il burro morbidissimo a piccoli pezzi, avendo cura di unire il pezzetto solo dopo che l'impasto avrà assorbito quello aggiunto in precedenza.
Unite per ultimo il sale.
L'impasto a questo punto sarà liscio, lucido ben elastico e morbido.


Fate riposare in frigorifero, perché così vista l'enorme quantità di burro è difficile da lavorare, almeno una notte.

Trascorsa la notte, prendete l'impasto e formate 9 palline, che andrete a posizionare a cerchio in uno stampo circolare da 26 cm di diametro, più una al centro.

Fate riposare in ambiente tiepido per almeno altre due ore, meglio tre.

Fate scaldare il forno a 190°C quindi fate cuocere la brioche per circa 30/35 minuti.

Servite tiepida o fredda.

*non dimenticate che la notevole quantità di burro e lo zucchero presente nell'impasto, farà colorare molto prima dell'avvenuta cottura della brioche, la sua superficie.
Potete ovviare a questo problema coprendo con dell'alluminio da cucina la superficie del dolce quando avrà raggiunto la colorazione ideale.




Può piacervi anche

4 commenti

  1. da provare.... sabato vado a comprare il burro e uova veri....niente bellini succo di mela fatto da me...ps belle l'etichette dei barattoli...mi sveli il segreto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. succo di mele? wow!! se non altro sei certa di innescare la lievitazione! :D

      le etichette? le ho trovate su pinterest..ho visto l'immagine che mi ha rimandato a un sito..se lo ritrovo te lo condivido su fb..un bacione Ale!

      Elimina
  2. Geniale! Non posso dire altro :D

    RispondiElimina