Uova

Uova fritte o all'occhio di bue : conoscete tutti i segreti?

04/02/16 14:32



E oggi che ti fai a pranzo? Ah boh, mi sa due uova. Povera ingenua.
Mai sottovalutare l'uovo. Se poi viaggiano in coppia sono ancora più pericolosi.
Mi sollevo la mano da sola per rispondere SI a tutti i miei, e forse i vostri, dubbi sulla cottura perfetta dell'uovo all'occhio di bue ma soprattutto in memoria di tutte le volte che mi sono trovata faccia a faccia con uno di loro.

Schizzi per tutta la cucina: Affermativo.
Bruciature occasionali : Affermativo. ( che imbranata ..)
Tuorlo secco : che ve lo dico a fare..
Bordi bruciati: passiamo alla prossima..

Ah si frustrazione totale?

Va beh dai oggi voglio provare, perché ebbene sì, alla fine ho imparato, a suggerirvi qualche trucchetto per un'ottima riuscita del classico uovo fritto.


Tutto quello che vi occorre è:

Uno o due uova fresche
Una noce di burro o un cucchiaio di olio d'oliva
Sale e pepe

Se poi avete i tegamini l'Agostina mooooolto vintage sgraffignati a casa di nonna con relativo coperchio siete a cavallo.


1; Aprite le uova in una ciotola; servirà a rendervi più veloci nel momento in cui la padella sarà pronta senza rischiare di farcirla con indesiderati pezzi di guscio.

2; Fate scaldare bene, ma non troppo, la padella; provate a versare qualche goccia d'acqua per capire se è calda al punto giusto. Se questa evapora velocemente potete procedere.

3; Ungete sempre bene e uniformemente il fondo della padella. Potete aiutarvi con un foglio di carta paglia se usate dell'olio, se invece usate del burro attendete che si sciolga completamente ma non portatelo mai a "friggere" o addirittura bruciarsi.

4; Versate immediatamente le uova e portate la fiamma al minimo; non fate scaldare troppo la padella, il rischio che correte è quello di bruciare i bordi senza che l'albume venga cotto in maniera corretta.

5; Tappate le uova con un coperchio, meglio se di vetro, giusto per vedere che succede là dentro.
Se invece siete temerari il classico coperchio andrà bene, ma è giusto che sappiate che se avete necessità di sollevarlo per verificare la cottura rischiate quello di cui parlavo al punto 2.
Col coperchio trasparente l'uovo diventerà completamente innocuo per voi e per la cucina.
A parte tutto usare il coperchio è la dritta che per me ha segnato il punto di svolta. Accelera i tempi di cottura e fa sì che si crei una camera calda che tiene umido l'ambiente di cottura impedendo al prodotto di seccare o bruciare. 


6; I tempi di cottura: possiamo parlarne. Io da che ho imparato lascio sul fuoco circa 1 minuto /1m e 30 secondi, per poi spostare la padella dal fuoco e far proseguire senza coperchio la cottura per altri 3/4 minuti.
L'importante è che venga comunque raggiunta la temperatura di 60/62°C utile non solo per sanificare le uova ma importante anche dal punto di vista del cambiamento fisico che vuole che le sue proteine inizino a dispiegarsi proprio a quelle temperature.
Motivo per cui la padella NON dovrà mai essere caldissima! Con temperature più delicate la cottura sarà più dolce e ne determinerà l'aspetto finale, morbido e succulento.

7; Potete ora con l'aiuto di una spatola adagiare le uova sul vostro piatto di portata...meglio se caldo!










Può piacervi anche

6 commenti

  1. Quante bellissime ricette, in
    questo splendido blog! Bravissima Claudia!
    Un caro abbraccio e felice serata!
    Laura<3<3<3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ohhh che bel pensiero <3 grazie Laura!!

      Elimina
  2. ahha ahhahha! mi ha fatto molto sorridere la tua lista di "disastri" da uova al tegamino.. potrei aggiungere solo "patacche irreversibili sui vestiti"..
    però io se ci metto il coperchio sopra mentre cuociono, sul tuorlo si forma come una leggera patina bianca, a te no? io avevo risolto separando il tuorlo dall'albume (cuocio prima quest'ultimo e aggiungo il tuorlo quando inizia a rapprendersi in modo che non si cuocia troppo).

    un'amante delle uova come me non poteva farsi sfuggire questo bellissimo post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco ma infatti sapevo che mi sfuggiva qualcosa..le patacche non si possono non ricordare! Sono degne di merito! :D :D ti dirò a me la patina bianca mi risparmia..vai poi a capire il perchè...lo chiamiamo c..o ? :D :D Ciao Barbara un abbraccione e grazie per la visita!

      Elimina
  3. quanto amo le tue foto, sono stupende!

    RispondiElimina